PREOCCUPANTE CROLLO DEI PREZZI IN CINA, CHE POTREBBE AVERE RIPERCUSSIONI SULL’ECONOMIA MONDIALE

bank of china

In Cina i prezzi alla produzione sono ormai al trentaduesimo mese di calo. Tra settembre e ottobre di quest’anno sono scesi di 2,2 punti percentuali. Nello stesso periodo, quelli al consumo sono aumentati di un misero 0,5%, con un tasso annuo medio che attualmente è pari all’1,6%, il punto più basso da settembre 2010. Tanto per dare un metro di paragone, tra il 1986 e il 2014, i prezzi sono aumentati a un tasso del 5,72%. La Cina è malata di sovraproduzione, con un’offerta che supera di gran lunga la domanda. Colpa delle pressioni sui governanti locali affinché nella loro provincia il Pil cresca più che altrove. Pressioni che loro trasferiscono ai loro sottoposti e alle imprese.

Apprendiamo importanti dettagli dalla lettura di un articolo d’inchiesta pubblicato dal sito Linkiesta.it

http://www.linkiesta.it/cina-deflazione-crisi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...