Rally a Piazza Affari. Collocati 3 mld di Ctz. Spread al di sotto dei 150 bps.

borsa (archivio)

MILANO, 26 AGOSTO 2014 – Piazza Affari prosegue la corsa di ieri, chiudendo sui massimi di seduta, sulla scommessa di nuove misure espansive da parte della Bce, dopo le dichiarazioni di Jackson Hole di Mario Draghi, che ha annunciato che la Bce sarebbe pronta a misure non convenzionali per sostenere l’economia nell’Eurosistema .

“I mercati restano condizionati dalle indicazioni del presidente Mario Draghi secondo cui la Bce sarebbe pronta a ulteriori misure straordinarie per combattere la deflazione e favorire la ripresa nell’area euro”, si legge nel daily di Bnl.

L’indice FTSE Mib ha chiuso in rialzo dell’1,33%, l’Allshare dell’1,30%. Volumi poco sopra i 2 miliardi di euro. In linea Londra, Francoforte e Parigi.

La seduta è stata caratterizzata dalla caccia a titoli a buon mercato che ha premiato BUZZI UNICEM, TOD’S, YOOX, AZIMUT.

AUTOGRILL e WORLD DUTY FREE hanno messo a segno guadagni intorno al 5%, entrambe con volumi superiori alla media.

Debole TELECOM ITALIA alla vigilia del Cda che discuterà l’ipotesi di integrazione Tim Brasil-Gvt. Il dubbio del mercato riguarda la possibile onerosità dell’operazione condotta in contrapposizione con Telefonica.

Va bene anche il settore bancario in linea con l’Europa e con lo stoxx di riferimento che balza di quasi il 2%.

Sotto i riflettori alcune ex municipalizzate come A2A, ACEA, HERA e IREN dopo che una fonte del Mise ha riferito che nel decreto “Sblocca Italia” saranno previste misure per favorire le aggregazioni tra enti pubblici locali.

Nella giornata odierna il Tesoro italiano ha collocato 3 miliardi di euro di Ctz a due anni. Il bit to cover si è attestato a 1,43 con il costo del finanziamento che ha raggiunto il nuovo minimo storico allo 0,326%. L’asta positiva conferma il buon momento per il mercato obbligazionario italiano che, in seguito alle parole di Draghi di venerdì, ha assistito ad una riduzione del rendimento del decennale e dello spread. Il contesto favorevole creatosi sul primario dovrebbe perdurare anche per i prossimi giorni quando il Tesoro tornerà sul mercato con le emissioni di Bot, Btp e Ccteu. Oggi il differenziale Btp/Bund ha aperto la seduta a 150 punti base ed in giornata ha toccato il minimo a 147 centesimi. Il decennale italiano offre un rendimento intorno al 2,40%, inferiore rispetto al Gilt e prossimo alla remunerazione offerta dal Treasury. Lo spread Bonos/Bund ha registrato invece 128 punti in apertura ed ha proseguito in restringimento fino a quota 125 punti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...