L’AVVOCATO PERDITEMPO PERDE IL COMPENSO

L’avvocato che prolunga la durata di una causa con inutili rinvii che procurano danno al proprio cliente non ha più diritto al pagamento della parcella. Questo il senso di un’importante, recente sentenza della Corte di Cassazione.

I furbi stiano bene attenti, dunque. I clienti siano bene informati, in quanto purtroppo la prassi dei rinvii è piuttosto diffusa. In realtà alcuni dipendono anche dalla cattiva organizzazione della giustizia, e dunque sono concessi anche unilateralmente, dai magistrati. La sentenza in commento, invece, si riferisce ai rinvii inutili e proditori che vengono posti in essere  da taluni legali al fine di prolungare senza motivo la durata della controversia, ed al fine di conseguire una parcella più sostanziosa. Un comportamento di questo tipo rende l’avvocato inadempiente ed incrina il rapporto di fiducia con il cliente-committente.

justice is served

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...